20. Mai 2017 bis 18. Juni 2017
In der Bilder-Serie «Transcriptions» des Fotografen Stefano Spinelli bleibt die Realität nur so lange objektiv bis der Blick des Menschen diese erfasst. Seine Werke sind in der Tat aus Texten und das Bild wird dadurch in die Schrift «gesperrt».

Stefano Spinelli

Text (nur auf italienisch)

Immagini dalla serie Transcriptions – The Medium Is The Message

In modo molto sintetico e quasi paradigmatico, per questa serie si potrebbe dire: „Dove c’è immagine, c’è testo“.

Le immagini di questa serie (Transcriptions) sono infatti formate da testi, ovverosia le immagini si trovano „rinchiuse“ nei caratteri tipografici che compongono il testo, mentre negli interstizi tra i caratteri si trova un colore neutro di fondo.

Guardate da distante, queste immagini presentano una loro compattezza e densità. Ma man mano che ad esse ci si avvicina tendono ad appiattirsi, a sfaldarsi finché, a partire da una data distanza, diventano, appunto, somma di caratteri tipografici – ossia, testi.

La realtà è oggettiva solo fintanto che lo sguardo dell’uomo non la coglie.

Dal momento che entra a far parte dell’esperienza umana, viene ricoperta e piegata dai significati, dai valori, dalle aspettative che l’uomo le presta.

Il rapporto dell’uomo con il mondo è profondamente mediato dai concetti, circoscritto dall’ideologia, conformato dal linguaggio che designa la realtà, nel suo tentativo di avere in tal modo una miglior presa su di essa.

Col risultato, paradossale, che perlopiù di quella realtà non coglie che il velo che lui stesso vi ha sovrapposto.

La realtà per l’uomo in fondo non è che una grande narrazione di cui probabilmente non potrà mai fare a meno.

Le immagini in mostra vogliono riflettere sul cambiamento tecnologico oggi in atto, sulle ripercussioni che questi ha sulla realtà e sulle nostre vite individuali. Vite oggi sempre più guidate e condizionate dai flussi di dati che impattano con I nostri comportamenti, modificano il contesto sociale in cui viviamo e che rendono la nostra realtà sempre più evanescente, virtuale. Alienata. Il controllo dei dati e del loro flusso oggi è cruciale ai fini del potere, e in ultima analisi della possibilità di continuare a vivere in una condizione di democrazia o, al contrario, di scivolare verso scenari politico-sociali autoritari. Abbiamo ancora la possibilità o anche solo la capacità d’intervenire in questo confronto?

Website von Stefano Spinelli: www.stefanospinelli.ch

 

Diese Seite weiterempfehlen: